Focus

Il biotech nell'era della grande liquidità


Le offerte pubbliche iniziali (IPO) e le offerte secondarie sono la linfa vitale del settore biotech. La quotazione in borsa consente alle aziende in fase iniziale di accedere alla grande quantità di denaro necessaria per far progredire i farmaci attraverso lo sviluppo clinico e offre agli investitori l'opportunità di ottenere un rendimento investendo in nuove aziende biotech.

All'inizio del 2010, le società biotecnologiche quotate in borsa possedevano una tecnologia più avanzata e avevano raggiunto le fasi successive del ciclo di sviluppo dei farmaci rispetto alle aziende che oggi raccolgono capitali pubblici. In seguito alla crisi finanziaria globale, le società biotech sono scese precipitosamente dalla loro elevata partecipazione al mercato delle IPO del 2009 a meno del 10% delle IPO successive. Le aziende biotecnologiche che si trovavano in una fase preclinica non provata o nella Fase 1 o 2 dello sviluppo del loro farmaco sono passate da una piccola frazione delle IPO nel 2010-2012 a più della maggioranza delle nuove società pubbliche, raggiungendo il 90% delle IPO nel 2021 e il 100% nel 2022. Le aziende che sviluppano farmaci prima della Fase 3 sono ancora altamente speculative, perché non hanno dati clinici sull'uomo, se non pochi, in grado di dimostrare la probabilità di successo, ma molti investitori sono pronti a scommettere che le aziende biotech prevarranno. I dati dimostrano infatti che dal 2009 gli investitori hanno assunto un rischio crescente.

Le aziende biotecnologiche perdono il favore degli investitori

Negli ultimi 10 anni, le aziende biotech e i loro investitori hanno raccolto grandi soddisfazioni, in quanto un numero sempre più elevato di nuovi produttori di farmaci si è quotato in borsa a valutazioni molto più elevate rispetto a quelle tipiche degli anni 2000. Nel 2021, nonostante le disruption nel settore causate dalla pandemia Covid-19, più di 100 aziende biotech si sono quotate in borsa, raccogliendo quasi 15 miliardi di dollari di finanziamenti nel complesso.

All'inizio del 2021, il sotto-settore Biotecnologie rappresentava l'11,4% dell'indice Russell 2000 Small Cap, mentre il peso dell'Healthcare era pari al 20,5% del benchmark. Ora, nel 2022, il settore Healthcare rappresenta il 14% dell'indice e la Biotecnologia è scesa a una ponderazione del 6%. In effetti, il calo della composizione dell'indice in Biotecnologie sembra essere l'unica causa della diminuzione della ponderazione del settore Healthcare.

Cos'è successo?

Una risposta potrebbe essere la crescente diffusione dei fondi crossover, che costituiscono un collegamento tra i mercati privati e i mercati pubblici quando investono nell'ultimo ciclo di società private prima di fare un'inversione di rotta e vendere le azioni ai mercati pubblici attraverso un'IPO. Questi investitori hanno prosperato durante il boom delle IPO nei primi anni dopo il 2010, in particolare a partire dal 2013, consentendo alle startup biotech di accedere a grandi quantità di capitale. Grazie a questo processo, agli investitori crossover viene "garantito" un ritorno sul round di raccolta di finanziamenti precedente all'IPO. Tuttavia, le aziende biotech favorite dai fondi crossover sono ancora considerate sperimentali e lontane dalla fase commerciale. Il movimento dei fondi crossover ha provocato un'artificiosità nel mercato, in quanto molti investitori si sono ritrovati a detenere società biotecnologiche pubbliche che si sono quotate troppo presto nel loro ciclo di vita. Tali aziende sono state vittime di un ciclo vizioso e infinito, che le obbligava a raccogliere capitali in un mercato illiquido ogni pochi trimestri solo per rimanere a galla.

La sfida alla base della traiettoria di un'azienda biotech è che a volte riceve capitali in eccesso, ma alla fine ha bisogno di raccoglierne altri - e regolarmente - per tenere il passo con il suo burn rate (la velocità con cui sta spendendo il suo capitale). In totale, le società pubbliche in fase di sviluppo devono raccogliere circa 15 miliardi di dollari entro la fine del 2022 per finanziare un anno di attività. Se le aziende non sono in grado di raccogliere capitale, devono ridurre il loro burn rate , il che le costringe a ridurre gli sforzi di R&S e a compromettere le probabilità di successo nella scoperta di farmaci. Queste aziende in fase iniziale, che rappresentano la maggior parte delle società nel settore biotech, sono quindi alla costante ricerca di nuovi investitori che finanzino il loro burn rate.

Il nostro approccio

Ci concentriamo sulle società biotech che dispongono di dati clinici convalidati. In qualità di investitori a lungo termine, privilegiamo un periodo medio di detenzione di tre-cinque anni e non siamo favorevoli al finanziamento di "esperimenti". Riteniamo invece che l'attenzione debba essere rivolta alle società che hanno raggiunto la Fase 3 o una fase superiore. Ci concentriamo sulle società che offrono prodotti farmaceutici sostenuti da un background scientifico inequivocabile, supportate da studi clinici ben progettati e in grado di soddisfare gli elevati standard della FDA statunitense. I loro prodotti farmaceutici rispondono a esigenze cliniche insoddisfatte che vengono rimborsate dal governo e dalle compagnie assicurative, al fine di raggiungere il successo commerciale. Inoltre, queste società generano ricavi e il loro percorso verso la redditività non richiede ulteriori aumenti di capitale diluitivi. Questa filosofia limita l'esposizione ai problemi delle biotech in fase iniziale, che finiscono per bruciare liquidità e sopravvivere alla mercé di investitori desiderosi di finanziare il loro prossimo progetto scientifico.