Investimenti Multi-Asset | Maggio 2022

Prospettive

I mercati sono tuttora influenzati da forze contrastanti: da un lato i timori per l’inasprimento dei tassi e dall’altro la preoccupazione per i rischi di recessione. Questi due elementi giustificano la nostra sottoesposizione alle azioni.

Per determinare quali altri posizionamenti assumere data la situazione, in ogni caso, occorre valutare se i prezzi degli asset risentono maggiormente dei rischi legati ai tassi o alla crescita. Riteniamo sia opportuno concentrarsi ancora sulle conseguenze dell’inasprimento dei tassi poiché i tradizionali modelli di inflazione sono vulnerabili alle strozzature sul fronte dell’offerta causate da una quantità di eventi senza precedenti. Ad esempio la variazione dei modelli di spesa nel post pandemia, i lockdown in Cina e la guerra tra Russia e Ucraina. Nel contesto attuale la normalizzazione della linea monetaria è in cima alla lista delle priorità delle banche centrali.

Pertanto, al sottopeso delle azioni fanno tuttora da contraltare la sovraponderazione delle commodity e l’assetto lungo sul dollaro USA. Si tratta di posizioni che offrono la migliore protezione contro le pressioni inflazionistiche e la riduzione della liquidità. Siamo comunque consapevoli che i suddetti trend sono in atto già da qualche tempo e abbiamo quindi cercato di diversificare l’esposizione al rischio mediante l’apertura di una posizione lunga Treasury USA vs. Bund tedeschi. Tale assetto protegge la nostra posizione lunga USD contro l’euro dal rischio di un inasprimento più deciso della Banca Centrale Europea (BCE). Il pair trade accresce leggermente la sensibilità alla duration del portafoglio: nonostante la neutralità in termini di duration, infatti, i Treasury USA tendono a sovraperformare in presenza di shock sul fronte della crescita. Al di là della view regionale, siamo tuttora posizionati in vista di un irripidimento della curva negli Stati Uniti (assetto lungo nel tratto a due e a cinque anni rispetto al tratto a 10 anni). In generale abbiamo un assetto neutrale sui bond (governativi e societari) poiché, in seguito ai sell-off da inizio anno, ora il mercato sconta un inasprimento consistente nel 2022. Alla luce delle valutazioni iniziali e presupponendo un ulteriore rialzo dei rendimenti, crediamo che la situazione odierna sia più critica per le azioni che per i bond.

Il mese scorso siamo passati dal sottopeso alla neutralità sulle obbligazioni, di conseguenza la posizione lunga sull’oro appare meno vantaggiosa e, alla luce dell’aumento dei rendimenti reali, abbiamo deciso di ridurre l’esposizione.

In ambito azionario prediligiamo tuttora i titoli value difensivi, come dimostrano gli investimenti in azioni che offrono rendimenti elevati e la preferenza per il Regno Unito a scapito degli USA. Il mercato nipponico appare conveniente, in particolare data la svalutazione dello yen che ne accresce la competitività, pertanto alcuni portafogli ampliano l’esposizione al Giappone a scapito degli USA.

Se guardiamo al quadro generale, i rendimenti reali sono tuttora prossimi allo zero. Ritenendo vi siano maggiori probabilità di un rialzo dei rendimenti reali confermiamo il posizionamento prudente.

View mensili

chart01b.png

chart02.png

chart03.png

chart04.png

1 Tra i mercati emergenti globali rientrano Paesi dell’Europa centrale e orientale, dell’America Latina e dell’Asia.

chart05.png

chart06.png

Informazioni importanti

Il presente documento costituisce una comunicazione di marketing.

Schroders non si assume alcuna responsabilità per fatti o giudizi errati.

Il presente materiale non intende fornire una consulenza contabile, legale o fiscale e non deve essere utilizzato in tal senso. Le informazioni qui contenute non rappresentano una consulenza, una raccomandazione o materiale di ricerca finalizzato all’investimento e non tengono in considerazione le specificità dei singoli destinatari.

Nell’assumere le proprie decisioni strategiche e/o sulle singole operazioni finanziarie, gli investitori nondevono fare affidamento sulle opinioni e sulle informazioniriportate nel presente documento.

La performance passata non è indicativa della performance futura e potrebbe non ripetersi.

Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono diminuire così come aumentare e gli investitori potrebbero non recuperare le somme originariamente investite. Le variazioni dei tassi di cambio possono determinare una diminuzione o un aumento del valore degli investimenti.

Le opinioni espresse da Schroders nel presente documento potrebbero subire variazioni. Schroders ritiene attendibili le informazioni contenute nel presente documento, ma non ne garantisce la completezza o la precisione.
Schroders opera in qualità di titolare del trattamento in relazione ai dati personali. Per informazioni circa le modalità di trattamento dei dati personali, è possibile consultare la nostra Politica sulla privacy, disponibile all’indirizzo www.schroders.com/en/privacy-policy o su richiesta.

Per garantire la Sua sicurezza, le comunicazioni potrebbero essere registrate o monitorate.

Pubblicato da Schroder Investment Management (Europe) S.A., 5, rue Höhenhof, L-1736 Senningerberg, Lussemburgo. Registro Imprese Lussemburgo: B 37.799. Le previsioni contenute nel documento sono ricavate da modelli statistici basati su una serie di ipotesi e sono soggette ad un alto livello di incertezza a causa dei fattori economici e finanziari che potrebbero influire sulla performance futura. Le previsioni sono fornite a mero scopo informativo e sono valide alla data odierna. Le ipotesi formulate possono variare sostanzialmente a seguito del mutamento degli scenari economici, di mercato o altro. Non ci assumiamo alcun impegno a comunicare eventuali aggiornamenti o modifiche in merito ai dati qui riportati, alla situazione congiunturale e di mercato, ai modelli o ad altri fattori.