Focus

Coronavirus: anche l'economia globale verrà infettata?

La diffusione del coronavirus, COVID-19, al di fuori della Cina ha creato nuove incertezze per le prospettive sulla crescita globale e scatenato la volatilità nei mercati finanziari.

La diffusione del virus in Corea del Sud, Iran e Italia ha fatto sorgere preoccupazioni su una possibile accelerazione del contagio fuori dalla Cina. Ecco le aspettative dei nostri economisti e fund manager.

Ci sarà un ulteriore impatto sulla crescita globale?

Keith Wade, Chief Economist

La ripresa dell'economia globale si è arrestata in Asia a causa del virus. Gli effetti si stanno ora facendo sentire anche sul resto dell'economia mondiale, dato che le catene di approvvigionamento sono state impattate dal virus. È diventato inoltre evidente il rischio di diffusione del virus fuori dalla Cina, come si è visto in Italia e Corea.

I mercati dovranno rivedere le loro aspettative sul ritorno alla normalità e, sebbene la diffusione del virus potrebbe essere contenuta nel secondo trimestre, gli effetti su spesa e attività potrebbero continuare a farsi sentire, dato che persisterà la cautela tra la popolazione. L'impatto di breve termine sarà sufficiente per portare alla recessione alcune economie, come Giappone e Italia. Nonostante ciò, via via che il virus si placherà, si creerà spazio per un rimbalzo dell'attività.

È cresciuto il rischio di una pandemia globale. I portatori del virus possono essere infettivi senza mostrare sintomi, rendendo più complicate le fasi di identificazione, isolamento e contenimento. Chiaramente, ciò rappresenta un rischio di downside molto importante per l'attività, soprattutto se gli Stati Uniti verranno colpiti. La maggiore economia mondiale è relativamente meno esposta alla disruption della catena di approvvigionamento globale e potrebbe contribuire a sostenere la domanda mondiale, soprattutto se la Fed taglierà di nuovo i tassi, come da nostre attese.

L'impatto sull'Asia

Toby Hudson, Head of Asia ex Japan Equities

Prevedere le dimensioni e l'impatto della diffusione del virus è praticamente impossibile. Nonostante le tragiche perdite, il nostro scenario di base prevede che questo evento non rappresenterà un cambiamento strutturale per le prospettive di crescita della Cina o delle altre economie della regione, ma più che altro un breve e brusco rallentamento ciclico che durerà qualche mese.

L'impatto economico sarà quasi immediato in alcuni settori legati a turismo, viaggi, intrattenimento offline e beni di consumo, sia in Cina che al di fuori di essa. Ci potrebbero essere anche difficoltà logistiche per il settore manifatturiero nel breve termine, dato che per i dipendenti il ritorno al lavoro dopo il Capodanno cinese è stato complicato a causa delle restrizioni sulla quarantena, e ciò potrebbe impattare sulle supply chain globali. Più in generale, la maggiore incertezza probabilmente impatterà in modo negativo sulla fiducia di consumatori e aziende, e di conseguenza anche sulle decisioni di spesa e investimento.

Se, come per altri casi recenti, si riuscirà a contenere la diffusione del virus entro i prossimi mesi, con un ritorno graduale della fiducia, l'attività economica dovrebbe riprendersi in modo abbastanza rapido nella seconda metà dell'anno, sostenuta dal rilascio della domanda repressa. Le previsioni sugli utili nel 2020 dovranno essere aggiustate al ribasso in alcune aree, tuttavia l'impatto sui prossimi anni dovrebbe essere più contenuto. Di conseguenza, l'effetto sulle valutazioni dei fondamentali per i titoli che deteniamo in portafoglio dovrebbe essere modesto.

Dove trovare le migliori opportunità a livello globale

Johanna Kyrklund, Group Chief Investment Officer and Global Head of Multi-Asset Investments

Finché non vedremo un picco nei tassi di infezione da coronavirus, gli sforzi per contenere la diffusione impatteranno significativamente sull'attività economica. I mercati dovranno anche digerire il probabile impatto della disruption della catena di approvvigionamento sugli utili aziendali. Gli investitori dovrebbero prepararsi ad affrontare un percorso scosceso nelle prossime settimane, ma i mercati sono aiutati dal fatto che c'è molto denaro che potrebbe essere investito. Naturalmente, i rendimenti obbligazionari resteranno bassi, rendendo l'azionario molto attraente.

Un'area a cui guardare con attenzione è quella dei mercati emergenti, dove azionario e valute iniziano ad offrire valore. La Figura 1 mostra le ultime view del team Multi-Asset a livello globale.

MA_Table_IT-v3.png

Informazioni importanti: le opinioni e i pareri contenuti nel presente documento non rappresentano necessariamente la visione aziendale formulata in altre comunicazioni, strategie o comparti di Schroders. Il presente documento ha scopo meramente informativo e non deve essere inteso quale offerta o una sollecitazione ad acquistare o a vendere qualsivoglia tipo di strumento finanziario o titolo o al fine di adottare una determinata strategia di investimento. Le informazioni qui contenute non rappresentano una consulenza, una raccomandazione o materiale di ricerca finalizzato all'investimento e non tengono in considerazione le specificità dei singoli destinatari. Il presente materiale non intende fornire una consulenza contabile, legale o fiscale e non deve essere utilizzato in tal senso. Schroders ritiene attendibili le informazioni qui contenute ma non ne garantisce la completezza o la precisione. Schroders non si assume alcuna responsabilità per fatti o giudizi errati. Nell'assumere le proprie decisioni strategiche e/o sulle singole operazioni finanziarie, gli investitori non devono fare affidamento sulle opinioni e sulle informazioni riportate nel presente documento. I rendimenti passati non sono un indicatore dei risultati futuri, i prezzi delle azioni e l'utile che ne deriva possono sia aumentare che diminuire e gli investitori potrebbero non recuperare l'importo investito in origine. Pubblicato da Schroder Investment Management (Europe) S.A., 5, rue Höhenhof, L-1736 Senningerberg, Luxembourg. Registro Imprese Lussemburgo: B 37.799. Distribuito da Schroder Investment Management (Europe) S.A., Succursale italiana, Via della Spiga 30, 20121 Milano. Per vostra sicurezza, le comunicazioni possono essere registrate o monitorate.