Condividi

Regola 1

Definisci obiettivi chiari

Prima di effettuare un investimento dovresti innanzitutto capire per quale motivo lo stai facendo.

Ogni investitore tende ad avere più di un obiettivo, ma è essenziale determinare quale sia predominante. Gli obiettivi d'investimento sono generalmente classificati in tre tipologie:

  • Protezione, se prevale l'esigenza di salvaguardare il valore iniziale del tuo capitale; in questo caso la tua tolleranza al rischio può definirsi medio-bassa;
  • Reddito, se sei alla ricerca di flussi di reddito regolari, ad esempio per integrare la pensione futura; di conseguenza il tuo livello di rischio può essere considerato medio-alto;
  • Crescita, se desideri incrementare nel tempo il valore iniziale del tuo capitale e sei disposto a sopportare un livello di rischio elevato.

Individuare il bersaglio verso cui puntare è solo il punto di partenza per scoccare la freccia nella giusta direzione. Oltre agli obiettivi, dovrai anche fissare l'orizzonte temporale in cui sei disposto a immobilizzare il capitale e capire qual è la tua propensione al rischio. Queste variabili, strettamente interrelate, contribuiscono a completare il cosiddetto "profilo d'investimento" di ciascun risparmiatore.

Definirlo non è semplice, soprattutto perché le tue esigenze possono mutare nel tempo e il profilo d'investimento dovrà adattarsi di conseguenza.

Ricorda che anche in questo caso il supporto di un consulente di fiducia può aiutarti di volta in volta ad aggiustare la mira.

Una volta definito il profilo d'investimento, la vera sfida che dovrai affrontare sta nel restargli fedeli nonostante le repentine variazioni dei mercati possano indurti nella tentazione di rivedere le tue scelte.

Approfondisci: Rischio e Rendimento, due facce della stessa medaglia