Schroder ISF Global Cities

Puntiamo alle città più promettenti.

Le opportunità non dormono mai

Le Città Globali sono le metropoli dove tutti vorrebbero vivere, studiare, lavorare e divertirsi. Sono caratterizzate da infrastrutture solide, economie diversificate, politiche ESG ben sviluppate, forza lavoro qualificata, qualità elevata della vita e ampia offerta culturale. Si stima che le città generino già oltre l’80% del PIL globale con il Real Estate urbano sovraperforma nettamente le medie nazionali*. Con la migrazione verso i centri urbani destinata ad aumentare, le città globali diventeranno linfa vitale per la crescita economica.

*Fonte: IBRD al 20 aprile 2020

Investire nelle città del futuro

Il mondo sta cambiando. L'urbanizzazione è in costante crescita e le città saranno in competizione tra loro per avere la nostra attenzione... e i nostri investimenti.

Il fondo

Si stima che entro il 2050, quasi il 70% della popolazione mondiale - rispetto all'attuale 55% - risiederà in aree urbane*. Ma non tutte le città saranno uguali. I vincitori saranno riconosciuti come ‘Global Cities'. Tali città si distinguono per politiche superiori in materia di sostenibilità, infrastrutture solide, economie diversificate, forza lavoro qualificata e qualità elevata della vita. Inoltre attraggono i migliori talenti a livello mondiale, i quali contribuiscono a una costante crescita economica. Identificarle quindi cruciale.

Facile accesso al settore immobiliare
L'acquisto diretto degli asset reali di tali città non è però l'unico modo per accedere oggi al mercato immobiliare. Farlo con un fondo presenta chiari vantaggi: diversificazione, liquidità, costi inferiori e soprattutto la possibilità di investire in immobili e metropoli altrimenti poco accessibili.

Al cuore della lotta al cambiamento climatico
Le città sono responsabili di due terzi delle emissioni di carbonio, ma proprio da qui inizia la lotta al cambiamento climatico: la transizione a net zero e il conseguimento degli obiettivi dell’Accordo di Parigi richiedono cambiamenti a partire dai centri urbani. Un buon esempio dell’impatto che le città possono esercitare è C40, una rete di mega città di tutto il mondo impegnate ad affrontare il cambiamento climatico.

Analisi dei dati all'avanguardia
I dati sono il cuore dell'indice e il nostro team li utilizza in modo attivo. Grazie a un modello proprietario unico, individuiamo le ‘Global Cities' più promettenti combinando diversi dati riguardanti l'attività economica, la popolazione e gli aspetti demografici, il trasporto e le infrastrutture. Il processo d'investimento si concentra poi sulle società che beneficeranno di driver di crescita strutturali in grado di determinare il successo di una Città globale.

*Fonte: ONU, maggio 2018

"Le città globali attirano l’attenzione generale e anche investimenti da tutto il mondo, sono centri internazionali per cittadini e imprese. È in città come queste che si trovano università e aziende di livello mondiale; per questo i governi si danno tanto da fare affinché continuino a prosperare".

Team di gestione

Global Listed Real Assets

Tom Walker
Co-head of Global Listed Real Assets
Hugo Machin
Co-head Global Listed Real Assets

Analisti

Global Real Estate Securities, Global Listed Real Assets

Jon
Co-head Global Listed Real Assets
Ryan
Securities analyst, Global Listed Real Assets
Ben Forster
Portfolio Manager

Riconoscimenti

FitchRatingsIMQRExcellent

Fitch Ratings Excellent (al 16 giugno 2021)

Square Mile Responsible A

Square Mile Investment Consulting and Research - Responsible A

Towards Sustainability

Febelfin Towards Sustainability

Nel 2021, il fondo Global Cities è stato oggetto di più valutazioni in merito alla sua sostenibilità. Tale analisi prova la rigorosità e l’ampiezza di visione che adottiamo in quest’area cruciale.

In aprile, il fondo ha ricevuto la certificazione Belgium Febelfin Towards Sustainability, vale a dire che si attiene ai migliori standard qualitativi per i prodotti finanziari sostenibili e socialmente responsabili.

In ottobre, ha ottenuto il “Responsible A rating” da Square Mile Investment Consulting and Research. Nel report si afferma che “Il processo di investimento tiene in debito conto i principi ESG in ogni sua fase e i gestori puntano a investire in asset reali sostenibili che consentono alla collettività di soddisfare le sue esigenze attuali senza compromettere il soddisfacimento delle esigenze delle generazioni future”.

Fattori di rischio

Capitale a rischio: dal momento che il fondo intende distribuire dividendi indipendentemente dalla performance, un dividendo può rappresentare il ritorno di una parte dell'importo investito.

Rischio valutario: il fondo potrebbe perdere valore per effetto di movimenti dei tassi di cambio.

Rischio associato ai derivati: gli strumenti derivati possono essere utilizzati per gestire il portafoglio in modo efficiente. Uno strumento derivato potrebbe ottenere performance non in linea con le attese, generare perdite superiori al costo dello stesso derivato e comportare perdite per il fondo.

Rischio legato a mercati emergenti e di frontiera: i mercati emergenti, e in particolare i mercati di frontiera, sono generalmente esposti a rischi politici, giuridici, di controparte, operativi e di liquidità superiori a quelli dei mercati sviluppati.

Rischio IBOR: la transizione dei mercati finanziari dal ricorso ai tassi di offerta interbancari (IBOR) a tassi di riferimento alternativi può incidere sulla valutazione di talune partecipazioni e ridurre la liquidità di alcuni strumenti, eventualmente influenzando il risultato d'investimento del fondo.

Rischio di liquidità: in condizioni di mercato difficili, il fondo potrebbe non riuscire a vendere un titolo a prezzo pieno o non riuscire a venderlo affatto. Ciò può incidere sulla performance e indurre il fondo a posticipare o sospendere i rimborsi delle proprie azioni.

Rischio operativo: potrebbe aver luogo un mancato funzionamento dei processi operativi, compresi quelli correlati alla custodia delle attività. In tal caso, il fondo potrebbe sostenere delle perdite.

Rischio di performance: gli obiettivi d'investimento descrivono il risultato auspicato, ma non vi è garanzia del relativo conseguimento. In base alle condizioni di mercato e allo scenario macroeconomico, gli obiettivi d'investimento potrebbero rivelarsi più difficili da raggiungere.

Rischio associato al real estate e al settore immobiliare: gli investimenti immobiliari sono soggetti a vari fattori di rischio, tra cui le condizioni dell'economia, le variazioni legislative (per esempio in tema di ambiente e di piani regolatori) e altri fattori d'influenza sul mercato.

Rischio associato agli investimenti sostenibili: il fondo ha come obiettivo l'investimento sostenibile. Ciò significa che può avere un'esposizione limitata ad alcune società, industrie o settori e potrebbe rinunciare a determinate opportunità di investimento o alienare determinate partecipazioni non in linea con i criteri di sostenibilità selezionati dal gestore degli investimenti. Il fondo può investire in società che non riflettono le convinzioni e i valori di un particolare investitore.

Rischio di mercato: il valore degli investimenti può aumentare o diminuire e l'investitore potrebbe non recuperare il capitale iniziale.

MATERIALE DI MARKETING

Diritti riservati in tutti i paesi.

PRIMA DELL'ADESIONE LEGGERE IL PROSPETTO INFORMATIVO.
Tale prospetto è disponibile su questo sito e presso i collocatori autorizzati.

Schroder Investment Management (Europe) S.A., Succursale italiana
Via Alessandro Manzoni, 5 - 20121 Milano
Codice fiscale e n. iscrizione al Registro Imprese  n. 97833310150
Partita IVA 10855070966
Iscritta all'Albo delle SGR di cui all'art. 35 del D.Lgs. 58/98, sezione Gestori GEFIA e UCITS

Schroder International Selection Fund SICAV è indicata come Schroder ISF

Schroder Investment Management (Europe) S.A. è stata costituita nel gennaio del 1995 ed è il centro amministrativo delle attività europee di gestione di fondi comuni Sicav. La società è soggetta alla legge lussemburghese del 17 dicembre 2010.