Schroder ISF Healthcare Innovation

Investiamo nella salute, anche del portafoglio.

La crescita e l’invecchiamento della popolazione alimentano l’innovazione

Oggi possiamo trarre vantaggio dai rapidi progressi delle scienze sanitarie, da nuove procedure e da un uso più efficiente della scienza dei dati e della potenza di calcolo. Inoltre tutti parlano di vita sana e benessere. E naturalmente, la pandemia del 2020 ha cambiato per sempre il concetto di innovazione sanitaria.
Sebbene sia da sempre considerato una fonte di crescita relativamente difensiva, il settore della sanità è caratterizzato da rapidi cambiamenti che creano numerose nuove opportunità di investimento.

La salute conta

Scopri i driver alla base di una vita più lunga e sana

Il fondo

In Schroders, gestiamo portafogli incentrati sul settore sanitario dal 2000. Nel complesso, il nostro team di 5 specialisti del settore vanta oltre 90 anni di esperienza negli investimenti e gestisce asset per 10 miliardi di dollari.

Un approccio altamente diversificato
Le opportunità in ambito sanitario vanno al di là titoli sui giornali. Analizziamo 5 segmenti del settore sanitario per costruire un portafoglio ottimale:
1. Terapie avanzate: terapie geniche, farmaci di precisione
2. Medtech: robotica, connected healthcare
3. Servizi sanitari: telemedicina, gestione sanitaria
4. Sanità digitale: biosensori e tracker, IA
5. Benessere: cura del corpo e fitness, vista e udito


Un portafoglio con un orientamento specifico che mira a rendimenti di lungo periodo
Attingiamo a tutto il settore per costruire un portafoglio composto da 50-70 posizioni che corrispondano alle nostre idee migliori, e puntiamo a ottenere rendimenti costanti a lungo termine.


L'importanza dei dati
Un team di oltre 20 persone tra scienziati dei dati, statistici e matematici integra i dati finanziari tradizionali con set di dati e tecniche alternativi, tra cui l'intelligenza artificiale e il machine learning, al fine di individuare le società che plasmano il futuro della sanità.


Fonte: Schroders, giugno 2020.

Team di gestione

Schroder ISF Healthcare Innovation

John Bowler
Fund manager
Ines Duarte da Silva
Global Sector Specialist - Healthcare
Wei Li
Equity Analyst

Team di gestione

Schroder ISF Healthcare Innovation

Madoka Sato
Equity Analyst
Peter Wen
Equity Analyst

“Gli ultra 65enni sono la fascia demografica che crescerà più rapidamente nei prossimi 20 anni. E i bilanci statali sono già sotto pressione: siamo di fronte a un potentissimo driver di cambiamento reso possibile dalla tecnologia. Pensiamo alle terapie geniche, alle immunoterapie, alla possibilità di prendere appuntamento dal medico di base tramite smartphone, alle diagnosi tramite IA. Il nostro team possiede le competenze e l’esperienza necessarie per cogliere tali opportunità.”

John Bowler

Fund manager

Fattori di rischio

    Rischio di concentrazione: il fondo potrebbe essere concentrato su un numero ristretto di aree geografiche, settori industriali, mercati e/o singole posizioni. Pertanto, il valore del fondo potrebbe subire notevoli variazioni, sia al rialzo che al ribasso.

    Rischio di controparte: il fondo può stipulare accordi contrattuali con controparti. Se una controparte non è in grado di adempiere ai propri obblighi, il credito che il fondo vanta nei suoi confronti potrebbe essere parzialmente o interamente inesigibile.

    Rischio valutario: il fondo potrebbe perdere valore per effetto di movimenti dei tassi di cambio.

    Rischio connesso a strumenti derivati: gestione efficiente del portafoglio: Gli strumenti derivati possono essere utilizzati per gestire il portafoglio in modo più efficiente. Uno strumento derivato potrebbe ottenere performance non in linea con le attese, generare perdite superiori al costo dello stesso derivato e comportare perdite per il fondo.

    Rischio azionario: i prezzi delle azioni oscillano quotidianamente in base a diversi fattori, fra cui notizie di carattere generale, economico, settoriale e notizie specifiche relative a una società.

    Rischio di maggiore volatilità: il prezzo del fondo può essere soggetto a volatilità legata all'assunzione di rischi più elevati in vista di rendimenti più consistenti.

    IBOR: la transizione dei mercati finanziari dal ricorso ai tassi di offerta interbancari (IBOR) a tassi di riferimento alternativi può incidere sulla valutazione di talune partecipazioni e ridurre la liquidità di alcuni strumenti, eventualmente influenzando il risultato d'investimento del fondo.

    Rischio di mercato: il valore degli investimenti può aumentare o diminuire e l'investitore potrebbe non recuperare il capitale iniziale.

    Rischio operativo: potrebbe aver luogo un mancato funzionamento dei processi operativi, compresi quelli correlati alla custodia delle attività. In tal caso, il fondo potrebbe sostenere delle perdite.

    Rischio legato al rendimento: gli obiettivi d'investimento descrivono il risultato auspicato, ma non vi è garanzia del relativo conseguimento. In base alle condizioni di mercato e allo scenario macroeconomico, gli obiettivi d'investimento potrebbero rivelarsi più difficili da raggiungere.

    Rischio associato agli investimenti sostenibili: il fondo presenta caratteristiche ambientali e/o sociali. Ciò significa che può avere un'esposizione limitata ad alcune società, industrie o settori e potrebbe rinunciare a determinate opportunità di investimento o alienare determinate partecipazioni non in linea con i criteri di sostenibilità selezionati dal gestore degli investimenti. Il fondo può investire in società che non riflettono le convinzioni e i valori di un particolare investitore.
    Informazioni importanti: Il presente documento riporta i giudizi e le opinioni degli autori, che non rappresentano necessariamente la visione riportata in altre pubblicazioni o espressa da altri fondi e strategie Schroders. La pagina ha scopo meramente informativo. Il presente materiale non costituisce un'offerta né un invito ad acquistare o a vendere strumenti finanziari. Le informazioni qui contenute non mirano a fornire, e non sono da considerare, una consulenza in ambito contabile, legale o fiscale né una raccomandazione di investimento. Schroders ritiene attendibili le informazioni contenute nel presente documento, ma non ne garantisce la completezza o la precisione. Schroders non si assume alcuna responsabilità per dati o giudizi non corretti. Nel prendere decisioni di investimento e/o strategiche il lettore non deve fare affidamento sulle opinioni e sulle informazioni qui riportate. Le performance passate non sono indicative delle performance future e potrebbero non ripetersi. Il valore e il reddito degli investimenti possono aumentare o diminuire e gli investitori potrebbero non recuperare il capitale iniziale. I dati qui riportati provengono da fonti ritenute attendibili da Schroders. Si declina ogni responsabilità per errori di fatto e si invita a verificare i dati in maniera indipendente prima di pubblicarli o utilizzarli. I settori sono citati a scopo meramente illustrativo; i riferimenti non sono da intendersi come una sollecitazione all'acquisto o alla vendita. Le oscillazioni dei tassi di cambio possono provocare incrementi o decrementi del valore degli investimenti esteri.
    Il presente materiale è stato pubblicato da Schroder Investment Management (Europe) S.A., Succursale italianaVia della Spiga, 30 - 20121 Milano.

MATERIALE DI MARKETING

Diritti riservati in tutti i paesi.

PRIMA DELL'ADESIONE LEGGERE IL PROSPETTO INFORMATIVO.
Tale prospetto è disponibile su questo sito e presso i collocatori autorizzati.

Schroder Investment Management (Europe) S.A., Succursale italiana
Via Alessandro Manzoni, 5 - 20121 Milano
Codice fiscale e n. iscrizione al Registro Imprese  n. 97833310150
Partita IVA 10855070966
Iscritta all'Albo delle SGR di cui all'art. 35 del D.Lgs. 58/98, sezione Gestori GEFIA e UCITS

Schroder International Selection Fund SICAV è indicata come Schroder ISF

Schroder Investment Management (Europe) S.A. è stata costituita nel gennaio del 1995 ed è il centro amministrativo delle attività europee di gestione di fondi comuni Sicav. La società è soggetta alla legge lussemburghese del 17 dicembre 2010.