Londra resta in vetta

Indice Schroders Global Cities

30/03/2022
city-life-and-communication

Londra resta in vetta all’Indice Global Cities di Schroders per il secondo anno consecutivo. La capitale del Regno Unito ha ottenuto un punteggio elevato in diverse categorie, classificandosi al primo posto rispetto ad altre città a livello globale nell’ambito dell’innovazione. Parte del merito è da attribuirsi anche alle sue università riconosciute di alta qualità in tutto il mondo e alla vasta rete di trasporto pubblico, che quest’anno dovrebbe estendersi ulteriormente con la tanto attesa inaugurazione della nuova Elizabeth Line.

L’Indice Global Cities di Schroders mira a individuare e classificare le migliori città globali, in base a quattro criteri: economia, ambiente, innovazione e trasporti. La classifica individua le città con una combinazione ottimale di dinamismo economico, eccellenza universitaria, politiche ambientali all’avanguardia e infrastrutture di trasporto eccellenti.

Tali fattori contribuiscono ad attrarre lavoratori ad alto reddito e guidano la crescita economica. Le Università, in particolare, sono cruciali per la prosperità futura di una città, in quanto i laureati altamente qualificati percepiscono redditi più alti e generano maggiori entrate fiscali.

Quest’anno Boston è salita in seconda posizione nell’Indice, prendendo il posto di San Francisco, scesa al terzo gradino. L’ascesa di Boston ne certifica lo status di centro mondiale per l’innovazione e la ricerca biomedica, in seguito al suo contributo nello sviluppo dei vaccini anti Covid-19. Inoltre, Boston è risultata la città migliore in quanto a infrastrutture di trasporto.

New York ha guadagnato una posizione salendo al quarto posto, grazie al punteggio particolarmente alto che la Grande Mela, principale città negli USA per popolazione, ha ottenuto nell’innovazione e nei trasporti.

Hugo Machin, Portfolio Manager, Schroders Global Cities, ha commentato:

“Londra continua a ottenere buoni punteggi in tutte e quattro le metriche dell’Indice Global Cities. La capitale inglese, con l’inaugurazione della nuova Elizabeth line e uno storico sistema di trasporto metropolitano, ferroviario e su gomma, ha alti standard in questo ambito rispetto ad altre città globali. Inoltre nella City si trovano Università all’avanguardia nell’ambito della ricerca accademica, come la London School of Economics (LSE) e l’Imperial College, leader in molti campi.

“I timori di una fuga in massa dalle città alla luce della pandemia di Covid-19, sulla spinta del passaggio al lavoro da remoto, sembrano essere stati esagerati. Attualmente i dati indicano un trend di allontanamento dai centri delle città, ma non dalle città tout court.

“L’idea di una settimana 60/40 – tre giorni in ufficio e due lavorando da casa – è ora diventata realtà. E sebbene le persone stiano trascorrendo meno tempo nelle aree centrali, le città restano importanti poiché rappresentano la spina dorsale dell’economia e offrono opportunità vitali di collaborazione, che sono essenziali, specialmente nell’economia della conoscenza.”

Promossi e bocciati

Melbourne, la seconda città dell’Australia per dimensioni, è salita di cinque posizioni nell’Indice, classificandosi al quinto posto. La città ha ottenuto buoni risultati per il dinamismo economico e l’innovazione, pur essendo in ritardo rispetto ai competitor nell’infrastruttura di trasporto. Al contempo, Parigi, l’unica altra città europea entrata nella top 10, è scesa di tre posizioni, al settimo posto.

Anche Hong Kong ha visto un peggioramento, scendendo in nona posizione dal quinto posto dell’edizione 2021. Tuttavia, la città continua a essere ai vertici in diverse aree, in particolare l’innovazione (dove è terza in assoluto) e nell’accesso alle infrastrutture di trasporto.

Chicago, la terza maggiore città negli USA, chiude la top 10, guadagnando 22 posizioni dall’Indice dello scorso anno. Anche un’altra città statunitense, Philadelphia, ha scalato la classifica, salendo di 31 posizioni fino al 13° posto. L’olandese Amsterdam è un’altra delle città che hanno performato molto bene, salendo di 26 posti in 21° posizione.

GCI_2022-3GCI_2022-4

Informazioni Importanti. Il presente documento è stato redatto a fini informativi e non è da considerarsi in alcun caso materiale promozionale. Le informazioni fornite non costituiscono un’offerta, né un invito all’acquisto o alla vendita di qualsiasi strumento finanziario. Il materiale non è inteso e non deve essere utilizzato a scopo di consulenza contabile, giuridica o fiscale e neppure di raccomandazione d’investimento. Le informazioni contenute nel presente documento sono ritenute affidabili, tuttavia Schroders non ne garantisce la completezza o l’esattezza. Schroders non è responsabile di eventuali errori relativi a fatti o opinioni. Ciò non esclude o limita in alcun modo gli obblighi o le responsabilità di Schroders nei confronti dei suoi clienti a norma del Financial Services and Markets Act 2000 (e successive modifiche) o di qualunque altro regolamento. Le previsioni riportate sono il risultato di un modello statistico basato su una serie d’ipotesi. Le previsioni sono soggette a un elevato grado d’incertezza dovuta a fattori economici e di mercato futuri che potrebbero influire sulle effettive performance. Le previsioni sono fornite a titolo esemplificativo e aggiornate alla data odierna. Le nostre previsioni potrebbero variare significativamente in funzione dei cambiamenti delle ipotesi di base dovuti, tra le altre cose, ai mutamenti economici e di mercato. Non ci assumiamo alcun obbligo di fornire aggiornamenti o modifiche ai dati forniti al variare delle ipotesi, condizioni economiche e di mercato, modelli o altre variabili coinvolte. Distribuito da Schroder Investment Management (Europe) S.A., Succursale italiana, via Alessandro Manzoni 5, 20121 Milano.

MATERIALE DI MARKETING

Diritti riservati in tutti i paesi.

PRIMA DELL'ADESIONE LEGGERE IL PROSPETTO INFORMATIVO.
Tale prospetto è disponibile su questo sito e presso i collocatori autorizzati.

Schroder Investment Management (Europe) S.A., Succursale italiana
Via Alessandro Manzoni, 5 - 20121 Milano
Codice fiscale e n. iscrizione al Registro Imprese  n. 97833310150
Partita IVA 10855070966
Iscritta all'Albo delle SGR di cui all'art. 35 del D.Lgs. 58/98, sezione Gestori GEFIA e UCITS

Schroder International Selection Fund SICAV è indicata come Schroder ISF

Schroder Investment Management (Europe) S.A. è stata costituita nel gennaio del 1995 ed è il centro amministrativo delle attività europee di gestione di fondi comuni Sicav. La società è soggetta alla legge lussemburghese del 17 dicembre 2010.